Studio trattamenti Shiatsu

La cultura orientale per l’equilibrio della mente e del corpo

Tel. +39 340 05.01.203 |

La Shiatsuka Barbara Casati, classe 1968, da sempre grande appassionata di arti orientali e tecniche manipolatorie si è diplomata nel 2002 all’Accademia Italiana Shiatsu Do di Milano, specializzandosi nello stile Masunaga.

È iscritta all’APOS (Albo Professionale Operatori Shiatsu).

In Giappone si è perfezionata presso lo Iokai Shiatsu Center di Tokyo e negli anni ha praticato presso un Centro di Discipline Orientali di Parigi, in Francia, e presso uno Studio Medico Olistico di Ginevra, in Svizzera.

 

La millenaria storia dello shiatsu

Un’arte fatta di tradizione, armonia, benessere

Lo Shiatsu, nonostante la sua recente definizione, affonda le proprie radici in diverse antiche culture orientali, notoriamente ricche di studi sulle Arti per la Salute; si parla addirittura del 3000 a.C. quando ci si riferisce ai primi documenti che trattano di recupero del benessere e mantenimento dell'armonia con l’Universo. In queste culture era inscindibile la relazione tra uomo e natura.

Risale invece al VII secolo il passaggio in Giappone di alcune di queste pratiche manipolatorie, grazie ai monaci buddisti.

In epoche più recenti, tra il 1910 ed il 1920, appaiono le prime tecniche basate sull'uso della pressione su diverse zone del corpo, alle quali viene dato il nome di Shiatsu. Qualche anno più tardi, tra il 1955 e il 1964, il Ministero della Sanità Giapponese darà allo Shiatsu il proprio riconoscimento ufficiale, grazie all'opera del Maestro Tokujiro Namikoshi.

In seguito, il Maestro Shizuto Masunaga, psicologo e studioso di Medicina e Filosofia Cinese, dopo aver insegnato nella scuola di Namikoshi per molti anni, fonda l'Istituto Iokai di Tokio. Dopo la sua morte alcuni allievi della scuola Iokai contribuiscono allo sviluppo ed alla diffusione dello Shiatsu in America ed in Europa.

La tecnica di Masunaga tiene conto non solo degli aspetti anatomico/funzionali, ma anche di quelli psicologici ed energetici, dando vita ad uno stile innovativo e particolarmente efficace. L'uomo viene visto come un insieme Mente/Corpo/Spirito, una realtà Energetica prima che fisica.

Masunaga interpreta il sintomo principalmente come un campanello d'allarme dell'intero essere umano, espressione sia di funzioni propriamente fisiche sia di aspetti emozionali e spirituali.

È nel 1957 che il Ministero della Sanità Giapponese riconosce la prima scuola di Shiatsu. Nel 1964, poi, lo Shiatsu ottiene il riconoscimento come terapia autonoma dalle altre pratiche di massaggio e di Anma. In Giappone, da allora, lo Shiatsu è riconosciuto come tecnica terapeutica e fa parte - a tutti gli effetti - del sistema sanitario giapponese.

Il trattamento viene effettuato a terra, dove Uke - il ricevente - starà comodamente sdraiato su un apposito materassino - futon.

Qualora, per qualsiasi motivo, non fosse agevole da parte di Uke sdraiarsi per terra, sarà comunque possibile effettuare il trattamento con Uke in posizione seduta.

Uke dovrà indossare abiti molto comodi e calze, possibilmente di cotone.

Una seduta di trattamento Shiatsu dura circa 45 minuti, tranne la prima che, essendo preceduta da un colloquio conoscitivo, può protrarsi fino ad un’ora e mezza circa.

Durante la prima seduta di trattamento Shiatsu, Tori - l’operatore - sarà in grado di sviluppare una diagnosi che permetterà di individuare i meridiani coinvolti e quindi di programmare le sedute successive.

Al fine di poter arrivare al riequilibrio energetico è necessario un numero di sedute shiatsu comprese tra sei e dieci, intervallate da non meno di tre giorni.

Durante il trattamento, Tori stimola il meridiano coinvolto dalle pressioni, ma questo continua a lavorare anche una volta che il trattamento è terminato, quindi è positivo lasciare che questo lavoro venga svolto in autonomia prima di tornare a trattare il meridiano stesso.

Terminato il primo ciclo di sedute e raggiunto il risultato che ci si era prefissi, è consigliabile prevedere un’azione di mantenimento, da effettuare attraverso una seduta mensile.

La pressione Shiatsu si effettua col dito pollice (dal Giapponese “shi” significa “dito” e “atsu” significa “pressione”) e, in aggiunta e a seconda del bisogno, anche con il palmo della mano ed il gomito.

Caratteristica principale delle pressioni Shiatsu è la perpendicolarità, alla quale si aggiungono la profondità e la costanza del ritmo.

Attraverso queste pressioni, Tori stimola i percorsi energetici di Uke, collegati agli organi ed ai visceri, al fine di riportare l’equilibrio.

Un bravo Tori va a sviluppare quello che viene comunemente definito il sesto senso: effettuando le pressioni, sotto al pollice sente lo stato del meridiano, il vuoto ed il pieno e questo è fondamentale al fine di sviluppare un trattamento efficace.

Il fattore di successo di un ciclo di trattamenti Shiatsu risiede innanzitutto nella sensibilità e nella professionalità di Tori: infatti il trattamento Shiatsu non consiste semplicemente in un intervento tecnico, ma basa la sua efficacia sullo scambio energetico tra Tori ed Uke.

Per questo motivo, è fondamentale la scelta dello Shiatsuka ideale.


Si fa presto a dire Shiatsu

Negli ultimi anni, un’antipatica e scorretta deriva commerciale ha visto la diffusione di strumenti a cui è stata associata l’espressione “massaggio shiatsu”. Al di là dell’errore terminologico e dell’equivoco che fa intendere shiatsu come un massaggio e non invece come un trattamento, quello che preme sottolineare è che un puro trattamento tecnico strumentale non arriverà mai a sviluppare il riequilibrio energetico in Uke. E’ il caso delle “poltrone per massaggi shiatsu” presenti anche presso alcuni aeroporti, sale di aspetto e centri commerciali o dei “cuscini shiatsu” in vendita in alcuni negozi, da appoggiare tra schienale del divano/poltrona e schiena mentre si è comodamente seduti a casa davanti alla TV. Purtroppo o per fortuna, lo Shiatsu non funziona così!

Patologie trattabili con lo Shiatsu

Una radice antica, per un metodo curativo universale

Sebbene in Occidente sia prevalentemente percepito come un metodo più o meno alternativo per alleviare dolori derivanti da malesseri circostanziati ad alcuni ambiti (mal di testa, mal di schiena, stress, etc.), in realtà lo Shiatsu è un metodo curativo che si rivolge ad un pubblico molto più vasto ed è in grado di affrontare con successo diverse patologie.

Contatti

Per informazioni e approfondimenti

Tel. +39 340 05.01.203 |

Inviando questo modulo dic